Spasmo emifacciale

Lo spasmo emifacciale è una condizione in cui i muscoli si contraggono in tic o spasmi su un lato del viso, di solito quello sinistro. Le persone non hanno il controllo di questi spasmi che molto spesso continuano anche durante il sonno.

Lo spasmo emifacciale di solito non è doloroso e non è considerato un pericolo per la salute. In casi avanzati, tuttavia, gli occhi possono rimanere chiusi abbastanza a lungo da risultare pericolosi, per esempio durante la guida.

Sia gli uomini che le donne possono sviluppare spasmi facciali, ma le donne, soprattutto le donne di mezza età e quelle più anziane, sono più colpite. I sintomi dello spasmo emifacciale si sviluppano solitamente quando le persone hanno un’età compresa tra i 40 e i 50 anni.

Il primo segno di spasmo emifacciale è di solito una contrazione dei muscoli della palpebra sinistra. Questi spasmi possono essere abbastanza forti da chiudere l’occhio e farlo lacrimare.

Se non trattati, i sintomi possono aggravarsi e lo spasmo può interessare sempre più muscoli facciali. Può colpire i muscoli della bocca e tirarla da un lato. Con il tempo, tutti i muscoli su un lato del viso possono essere tirati in un aggrottamento permanente. Alcuni individui possono sviluppare spasmi su entrambi i lati del viso.

Anche il dolore all’orecchio, un “clic” nell’orecchio e cambiamenti nell’udito possono essere sintomi di questa condizione. A volte si verifica anche la perdita dell’udito.

Quali malattie si possono associare allo spasmo emifacciale?

Lo spasmo emifacciale è causato dall’irritazione del settimo nervo cranico, che può dipendere da:

  • pressione sul nervo, vicino al tronco cerebrale, da parte di una piccola arteria  
  • tumore benigno o lesione che preme sul nervo
  • ammassi anomali di vasi sanguigni congeniti
  • Lesione del nervo
  • paralisi di Bell
  • sclerosi multipla

Si ricorda che questo non è un elenco esaustivo e che sarebbe meglio consultare il proprio medico di fiducia in caso di persistenza dei sintomi.

Quali rimedi contro lo spasmo emifacciale?

Il trattamento con i soli farmaci non è risultato efficace per questa condizione. I due modi principali per trattare lo spasmo emifacciale sono le iniezioni o la chirurgia.

Iniezioni di tossina botulinica sono utilizzati per paralizzare i muscoli facciali e fermare gli spasmi. Questi trattamenti sono utili per l’85-95% dei casi. Gli effetti svaniscono dopo 3-6 mesi, quindi servono poi trattamenti periodici.

La chirurgia, per quanto più invasiva, fornisce anche un sollievo più permanente e immediato: in una procedura nota come decompressione microvascolare, un chirurgo sposta l’arteria irritante dal nervo facciale e posiziona un cuscinetto su di esso per proteggerlo da future compressioni.

Questo intervento chirurgico risulta efficace nell’85% dei casi. È considerato particolarmente utile per i giovani e per coloro che si trovano nelle prime fasi di questa condizione, ma non è privo di rischi (in particolare di deficit uditivo).

Con spasmo emifacciale quando andare dal medico?

Sin dalla prima comparsa di uno spasmo emifacciale è bene rivolgersi al medico per individuarne la causa e per essere consapevoli di tutte le opzioni di trattamento disponibili. È probabile infatti che la condizione peggiori se non viene trattata.

Spasmo emifacciale: Cosa bisogna sapere

Lo spasmo emifacciale è una condizione in cui i muscoli si contraggono in tic o spasmi su un lato del viso, di solito quello sinistro. Le persone non hanno il controllo di questi spasmi, e molto spesso continuano anche durante il sonno.

Lo spasmo emifacciale di solito non è doloroso e non è considerato un pericolo per la salute. In casi avanzati, tuttavia, gli occhi possono rimanere chiusi abbastanza a lungo da risultare pericoloso durante la guida, ad esempio.

Sia gli uomini che le donne possono sviluppare spasmi facciali, ma le donne, soprattutto le donne di mezza età e quelle più anziane, sviluppano spasmi emifacciali a circa doppia velocità rispetto agli uomini. Questa condizione è anche un po’ più comune nelle persone asiatiche.

Si tratta di una condizione rara, che si presenta in circa 11 persone su 100.000.

Tipi

Lo spasmo emifacciale è diverso dalle altre condizioni nervose e muscolari che colpiscono il viso perché tende a colpire solo un lato del viso.

Tuttavia, ci sono differenze tra ciò che è considerato tipico per lo spasmo emifacciale e altre forme della condizione.

Uno studio su 215 persone esaminate per lo spasmo emifacciale ha trovato che:

il 62% è stato causato molto probabilmente da una vena che esercita una pressione sul nervo facciale

Il 18% aveva tic che imitavano lo spasmo emifacciale, ma non erano in realtà esempi della malattia

L’11% è dovuto alla paralisi di Bell

Il 6% sono il risultato di lesioni al nervo facciale

Il 2% era legato a cause ereditarie

Meno dell’1% dei casi è stato causato da danni diretti ai nervi o al sistema circolatorio del cervello

Sintomi

Il primo segno di spasmo emifacciale è di solito una contrazione dei muscoli della palpebra sinistra. Questi spasmi possono essere abbastanza forti da chiudere l’occhio e causare la formazione di lacrime.

Se lasciati non trattati, i sintomi dello spasmo emifacciale possono diventare più gravi e interessare sempre più i muscoli facciali. Gli spasmi possono colpire i muscoli della bocca e tirarla da un lato.

Con il tempo, tutti i muscoli su un lato del viso possono essere tirati in un aggrottamento permanente. Alcuni individui possono sviluppare spasmi su entrambi i lati del viso.

Anche il dolore all’orecchio, un “clic” nell’orecchio e cambiamenti nell’udito possono essere sintomi di questa condizione. A volte si verifica anche la perdita dell’udito.

Circa il 13% delle persone che hanno partecipato allo studio ha riportato una perdita dell’udito. Tuttavia, questa perdita dell’udito non sembra essere correlata alla gravità dei loro sintomi di spasmo emifacciale.

I sintomi dello spasmo emifacciale si sviluppano solitamente quando le persone hanno un’età compresa tra i 40 e i 50 anni.

Cause

Lo spasmo emifacciale è causato dall’irritazione del settimo nervo cranico. Questo nervo è noto come nervo facciale e controlla i muscoli del viso. Trasmette anche informazioni sul senso del gusto dalla lingua e sulle sensazioni all’orecchio.

La fonte di irritazione più frequente è una piccola arteria che preme sul nervo facciale vicino al tronco cerebrale. Altre cause potenziali includono:

un tumore benigno o una lesione che preme sul nervo

ammassi anomali di vasi sanguigni alla nascita

Lesione del nervo

Sono stati identificati casi ereditari di spasmo emifacciale, anche se non sono comuni.

In alcuni casi, lo spasmo emifacciale è il primo sintomo di sclerosi multipla o di SM. Quando le persone hanno la SM, il loro sistema immunitario attacca il sistema nervoso centrale, il che si traduce in una grande varietà di sintomi.

Tuttavia, questo è estremamente raro, con studi scientifici che mostrano solo 1-6 volte su diverse centinaia di casi in cui la SM è stata identificata come causa di uno spasmo emifacciale.

Anche se è raro, i medici devono comunque controllare la SM come possibile causa quando le persone sotto i 40 anni hanno uno spasmo emifacciale.

Diagnosi

I tic facciali sono il segno chiave dello spasmo emifacciale. I medici osserveranno la persona e faranno un’anamnesi, notando quanto sono gravi gli spasmi e da quanto tempo la persona li ha avuti.

Il medico utilizzerà test di imaging per scoprire cosa sta irritando il nervo facciale ed escluderà la possibilità che la causa sia un tumore o una lesione cerebrale. Questi test possono includere:

imaging delle risorse magnetiche (RM)

tomografia computerizzata (TAC)

angiografia (arteriografia)

Se i test di imaging non trovano tumori o lesioni, i medici presumeranno probabilmente che la pressione da un vaso sanguigno stia causando lo spasmo emifacciale. Tuttavia, questi test non possono sempre individuare il vaso sanguigno che irrita il nervo facciale, perché i vasi sanguigni sono così piccoli.

Uno spasmo emifacciale può essere confuso con altri disturbi del movimento che colpiscono il viso. Questi includono i tic del nervo facciale e gli spasmi delle palpebre. Queste due condizioni colpiscono diverse aree del viso, e non solo un lato, il che aiuta i medici a diagnosticare accuratamente questa condizione.

Prevenzione

Finora i ricercatori non hanno scoperto alcun modo per prevenire gli spasmi emifacciali.

Poiché gli spasmi sono involontari, l’unico modo per prevenire l’insorgenza di spasmi muscolari una volta che la condizione si sviluppa è attraverso il trattamento.

Lo stress, la stanchezza e l’ansia hanno dimostrato di peggiorare la condizione, quindi le persone che cercano di ridurre al minimo i sintomi potrebbero voler cercare di evitare questi fattori scatenanti, ove possibile.

Trattamento

I due modi principali per trattare lo spasmo emifacciale sono le iniezioni o la chirurgia.

Iniezioni

I colpi di tossina botulinica (Botox) sono utilizzati per paralizzare i muscoli facciali e fermare gli spasmi.

Questi trattamenti sono utili per l’85-95% delle persone. Gli effetti svaniscono dopo 3-6 mesi, quindi gli utenti avranno bisogno di un trattamento di follow-up su base regolare.

Chirurgia

Anche se la chirurgia è più coinvolgente e invasiva, fornisce anche un sollievo più permanente e immediato.

In una procedura nota come decompressione microvascolare, un chirurgo sposta l’arteria irritante dal nervo facciale e posiziona un tampone sul nervo per proteggerlo da future compressioni.

Questo intervento chirurgico risulta efficace l’85% delle volte. È considerato particolarmente utile per i giovani e per coloro che si trovano nelle prime fasi di questa condizione.

Questa procedura ha un certo rischio, con uno studio che ha riscontrato un rischio di deficit uditivo dell’1,5-8 percento dovuto a questo intervento chirurgico.

Il trattamento con i soli farmaci non è risultato efficace per questa condizione.

Prospettive

Lo stress causato dagli spasmi incontrollabili di questa condizione è uno degli effetti collaterali più importanti dello spasmo emifacciale. Tuttavia, poiché le persone possono alleviare i sintomi con iniezioni o interventi chirurgici, le prospettive possono essere buone.

È importante che le persone cerchino una cura e assumano un ruolo attivo. È probabile che la loro condizione peggiori se non viene trattata, quindi dovrebbero essere consapevoli di tutte le opzioni di trattamento disponibili.

Uno studio ha rilevato che quasi il 50% delle persone trattate da un’équipe ha scoperto la possibilità dell’opzione chirurgica per lo spasmo emifacciale solo dopo vari tentativi.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

X
Add to cart