Sindrome del tunnel carpale e gravidanza

La sindrome del tunnel carpale si manifesta comunemente in gravidanza. Secondo uno studio del 2015, tale patologia si verifica nel 4 per cento della popolazione generale, ma addirittura in una percentuale che varia dal 31 al 62 per cento delle donne in gravidanza.

Gli esperti non sono esattamente sicuri del perché, ma ritengono che possa dipendere dal gonfiore e dalla ritenzione di liquidi correlata all’azione degli ormoni.

Quali sono i sintomi della sindrome del tunnel carpale in gravidanza?

I sintomi comuni della sindrome del tunnel carpale in gravidanza includono:

  • intorpidimento e formicolio (quasi come una sensazione di spilli e aghi) alle dita, ai polsi e alle mani, che può peggiorare di notte
  • sensazione di pulsazione nelle mani, nei polsi e nelle dita
  • dita gonfie
  • difficoltà di presa degli oggetti e problemi nella motricità fine, come abbottonarsi una camicia o lavorare il fermaglio di una collana

Il problema può interessare una sola mano o entrambe: uno studio del 2012 ha scoperto che quasi il 50% delle partecipanti incinte aveva sindrome del tunnel carpale bilaterale.

I sintomi possono peggiorare con il progredire della gravidanza. Secondo uno studio, il 40 per cento delle partecipanti ha riferito l’insorgenza dei sintomi dopo 30 settimane di gravidanza, quando si registra il maggiore aumento di peso e la maggior ritenzione di liquidi.

Cosa causa la sindrome del tunnel carpale?

La sindrome del tunnel carpale si verifica quando il nervo mediano, che controlla la sensibilità delle dita, e che va dal collo, lungo il braccio e fino al polso, viene compresso all’interno del tunnel carpale in cui scorre a livello del polso.

Il tunnel carpale è uno stretto passaggio costituito da piccole ossa e legamenti “carpali”. Quando si restringe a causa del gonfiore, il nervo viene compresso. Questo porta a dolori alla mano e intorpidimento o bruciore alle dita.

Alcune donne incinte sono più a rischio?

Alcune donne incinte sono più inclini a sviluppare la sindrome del tunnel carpale rispetto ad altre. Sono fattori di rischio:

  • essere in sovrappeso o obese prima della gravidanza: non è chiaro se il peso provochi la sindrome del tunnel carpale, ma le donne in gravidanza che sono in sovrappeso o obese ricevono la diagnosi più frequentemente rispetto alle altre;
  • avere diabete o ipertensione gestazionali: entrambe queste condizioni possono portare a ritenzione di liquidi e conseguente gonfiore. Questo, a sua volta, può aumentare il rischio di sindrome del tunnel carpale. Inoltre, elevati livelli di glicemia (zucchero nel sangue) possono causare infiammazione, anche del tunnel carpale, e ciò può aumentare ulteriormente il rischio di sviluppare la sindrome;
  • precedenti gravidanze: la relaxina può essere osservata in quantità maggiori nelle gravidanze successive alla prima. Questo ormone aiuta il bacino e la cervice a espandersi durante la gravidanza in preparazione al parto. Può anche causare infiammazione del tunnel carpale, comprimendo il nervo mediano.

Come viene diagnosticata la sindrome del tunnel carpale in gravidanza?

La sindrome del tunnel carpale viene diagnosticata il più delle volte sulla base della descrizione dei sintomi fornita al medico, che può anche effettuare un esame fisico.

Se necessario, si possono utilizzare anche test elettrodiagnostici per confermare la diagnosi. I test elettrodiagnostici utilizzano aghi o elettrodi sottili (fili legati alla pelle) per registrare e analizzare i segnali che i nervi inviano e ricevono. I danni al nervo mediano possono rallentare o bloccare questi segnali elettrici.

Si può anche usare il segno di Tinel per identificare i danni ai nervi. Si tratta di un test che può essere fatto nell’ambito di un esame fisico: il medico picchietta leggermente sul nervo; se si avverte una sensazione di formicolio, ciò può essere segno di un danno.

Il segno di Tinel e i test elettrodiagnostici sono sicuri anche durante la gravidanza.

Come trattare la sindrome del tunnel carpale in gravidanza

La maggior parte dei medici consiglia di trattare la sindrome del tunnel carpale in modo conservativo in gravidanza, perchè in molti casi si ha poi sollievo nelle settimane e nei mesi successivi al parto. In uno studio, solo 1 partecipante su 6 che ha avuto la sindrome del tunnel carpale durante la gravidanza presentava ancora i sintomi 12 mesi dopo il parto.

È più probabile che si continui a sperimentare la sindrome del tunnel carpale dopo il parto se i sintomi sono iniziati prima della gravidanza o sono gravi.

I seguenti trattamenti possono essere utilizzati in modo sicuro durante la gravidanza:

  • indossare una stecca o un tutore che mantenga il polso in posizione neutra (non piegata). Quando i sintomi tendono a peggiorare, indossare un tutore di notte può essere particolarmente utile. Se è pratico, si può indossare anche durante il giorno.
  • Ridurre le attività che causano la flessione del polso (come la digitazione sulla tastiera).
  • Utilizzate la terapia del freddo: applicare del ghiaccio avvolto in un asciugamano sul polso per circa 10 minuti, più volte al giorno, aiuta a ridurre il gonfiore. Si può anche provare quello che viene chiamato “bagno di contrasto”: immergere il polso in acqua fredda per circa un minuto, poi in acqua calda per un altro minuto e continuare alternando per cinque o sei minuti, ripetendo il tutto il più spesso possibile.
  • Riposare, ogni volta che si sente dolore o affaticamento al polso.
  • Tenere sollevati i polsi ogni volta che si può, anche con l’aiuto di cuscini.
  • Praticare yoga: secondo uno studio può ridurre il dolore e aumentare la forza di presa nelle persone con sindrome del tunnel carpale. Tuttavia, sono necessarie ulteriori ricerche, soprattutto per capirne i benefici in gravidanza.
  • sottoporsi a fisioterapia: la terapia di rilascio miofasciale può ridurre il dolore legato alla sindrome e aumentare la funzione della mano. Si tratta di un tipo di massaggio per ridurre la tensione e allungare legamenti e muscoli.
  • Prendere antidolorifici: l’uso di paracetamolo in qualsiasi momento della gravidanza è generalmente considerato sicuro, purché non superi i 3.000 mg al giorno. In caso di dubbi meglio comunque chiedere al medico. Da evitare l’ibuprofene, a meno che non sia specificamente approvato per l’uso da parte del medico: è stato infatti collegato a un basso livello di liquido amniotico e ad una serie di altre condizioni.

La sindrome del tunnel carpale e l’allattamento al seno

L’allattamento al seno può essere doloroso con la sindrome del tunnel carpale perché è necessario usare il polso per tenere la testa del bambino e il seno nella posizione corretta per l’allattamento. 

Si possono però sperimentare posizioni diverse, usando cuscini e coperte per sostenere, o un tutore quando necessario.

Si può scoprire che l’allattamento al seno da sdraiate su un fianco con il bambino di fronte funziona bene. Anche l’allattamento in posizione rugby può essere più agevole per il polso: si sta sedute in posizione eretta e con il bambino sul lato del braccio e la sua testa vicino al busto.

Si può anche optare per un allattamento a mani libere, con il bambino che si nutre mentre è in una fascia indossata vicino al corpo materno.

Se si hanno difficoltà ad allattare o a trovare una posizione comoda per mamma e bambino, si può parlare con un consulente per l’allattamento che può aiutare ad apprendere posizioni confortevoli e ad individuare eventuali problemi.

Sommario

La sindrome del tunnel carpale è comune durante la gravidanza. Semplici misure come l’uso di una stecca e l’assunzione di paracetamolo sono terapie standard e di solito portano sollievo.

La maggior parte delle donne vedrà i propri sintomi risolversi entro 12 mesi dal parto. Tuttavia, in alcuni casi possono essere necessari anni. Meglio parlare con il medico su come gestire i sintomi in modo sicuro.

Cosa causa la sindrome del tunnel carpale durante la gravidanza e come viene trattata?

La sindrome del tunnel carpale e la gravidanza

La sindrome del tunnel carpale (STC) si manifesta comunemente in gravidanza. STC si verifica nel 4 per cento della popolazione generale, ma si verifica nel 31 al 62 per cento delle donne in gravidanza, stima uno studio del 2015.

Gli esperti non sono esattamente sicuri di ciò che rende la STC così comune durante la gravidanza, ma pensano che il gonfiore correlato agli ormoni possa essere il colpevole. Proprio come la ritenzione di liquidi in gravidanza può causare il gonfiore di caviglie e dita, può anche causare il gonfiore che porta alla STC.

Quali sono i sintomi della sindrome del tunnel carpale in gravidanza?

I sintomi comuni della STC in gravidanza includono:

intorpidimento e formicolio (quasi come una sensazione di spilli e aghi) alle dita, ai polsi e alle mani, che può peggiorare di notte

palpitante sensazione nelle mani, nei polsi e nelle dita

dita gonfie

difficoltà di presa degli oggetti e problemi di motricità fine, come abbottonare una camicia o lavorare il fermaglio di una collana

Una o entrambe le mani possono essere interessate. Uno studio del 2012 ha scoperto che quasi il 50% delle partecipanti incinte con STC lo aveva in entrambe le mani.

I sintomi possono peggiorare con il progredire della gravidanza. Uno studio ha trovato il 40 per cento dei partecipanti ha riferito l’insorgenza di sintomi STC dopo 30 settimane di gravidanza. Questo è quando si verifica il maggior aumento di peso e la ritenzione di liquidi.

Cosa causa la sindrome del tunnel carpale?

La STC si verifica quando il nervo mediano viene compresso mentre attraversa il tunnel carpale del polso. Il nervo mediano va dal collo, lungo il braccio e fino al polso. Questo nervo controlla la sensazione nelle dita.

Il tunnel carpale è uno stretto passaggio costituito da piccole ossa e legamenti “carpali”. Quando il tunnel si restringe a causa del gonfiore, il nervo viene compresso. Questo porta a dolori alla mano e intorpidimento o bruciore alle dita.

Alcune donne incinte sono a maggior rischio?

Alcune donne incinte sono più inclini a sviluppare la CTS rispetto ad altre. Ecco alcuni fattori di rischio della CTS:

Essere in sovrappeso o obese prima di rimanere incinta

Non è chiaro se il peso provoca STC, ma le donne in gravidanza che sono in sovrappeso o obese ricevono la diagnosi più frequentemente rispetto alle donne in gravidanza che non sono in sovrappeso o obese.

Avere il diabete o l’ipertensione legati alla gravidanza

Il diabete gestazionale e l’ipertensione gestazionale possono entrambi portare a ritenzione di liquidi e conseguente gonfiore. Questo, a sua volta, può aumentare il rischio di STC.

Elevati livelli di zucchero nel sangue possono anche causare infiammazione, anche del tunnel carpale. Questo può aumentare ulteriormente il rischio di STC.

Gravidanze passate

Il rilassamento può avvenire maggiormente nelle gravidanze successive. Questo ormone aiuta il bacino e la cervice a espandersi durante la gravidanza in preparazione al parto. Può anche causare infiammazione nel tunnel carpale, comprimendo il nervo mediano.

Come viene diagnosticata la STC in gravidanza?

La STC viene diagnosticata il più delle volte sulla base della descrizione dei sintomi da voi fornita al vostro medico. Il medico può anche effettuare un esame fisico.

Durante l’esame fisico, il vostro medico può utilizzare test elettrodiagnostici per confermare la diagnosi, se necessario. I test elettrodiagnostici utilizzano aghi o elettrodi sottili (fili legati alla pelle) per registrare e analizzare i segnali che i vostri nervi inviano e ricevono. I danni al nervo mediano possono rallentare o bloccare questi segnali elettrici.

Il vostro medico può anche usare il segno di Tinel per identificare i danni ai nervi. Questo test può essere fatto anche nell’ambito di un esame fisico. Durante il test, il vostro medico picchietterà leggermente sulla zona con il nervo interessato. Se sentite una sensazione di formicolio, questo può indicare un danno al nervo.

Il segno di Tinel e i test elettrodiagnostici sono sicuri per l’uso durante la gravidanza.

Come trattare la sindrome del tunnel carpale in gravidanza

La maggior parte dei medici consiglia di trattare la STC in modo conservativo in gravidanza. Questo perché molte persone sperimenteranno sollievo nelle settimane e nei mesi successivi al parto. In uno studio, solo 1 partecipante su 6 che ha avuto la STC durante la gravidanza presentava ancora i sintomi 12 mesi dopo il parto.

È più probabile che continui a sperimentare la STC dopo il parto se i sintomi della STC sono iniziati prima della gravidanza o se i sintomi sono gravi.

I seguenti trattamenti possono essere utilizzati in modo sicuro durante la gravidanza:

Utilizzare una stecca. Cercate un tutore che mantenga il polso in posizione neutra (non piegata). Quando i sintomi tendono a peggiorare, indossare un tutore di notte può essere particolarmente utile. Se è pratico, potete indossarlo anche durante il giorno.

Riducete le attività che causano la flessione del polso. Questo include la digitazione su una tastiera.

Utilizzate la terapia del freddo. Applicare del ghiaccio avvolto in un asciugamano sul polso per circa 10 minuti, più volte al giorno, per aiutare a ridurre il gonfiore. Potreste anche provare quello che viene chiamato “bagno di contrasto”: Immergere il polso in acqua fredda per circa un minuto, poi in acqua calda per un altro minuto. Continuate ad alternarvi per cinque o sei minuti. Ripetete il più spesso possibile.

Riposare. Ogni volta che sentite dolore o affaticamento al polso, riposate un po’ o passate a un’altra attività.

Alzate i polsi ogni volta che potete. Potete usare i cuscini per farlo.

Praticate lo yoga. Uno studio ha accertato che praticare yoga può ridurre il dolore e aumentare la forza di presa nelle persone con STC. Tuttavia, sono necessarie ulteriori ricerche, soprattutto per capire i benefici della STC in gravidanza.

Fisioterapia: la terapia di rilascio miofasciale può ridurre il dolore legato alla CTS e aumentare la funzione della mano. Si tratta di un tipo di massaggio per ridurre la tensione e la cortazza dei legamenti e dei muscoli.

Prendere antidolorifici: l’uso di paracetamolo (Tylenol) in qualsiasi momento della gravidanza è generalmente considerato sicuro, purché non superi i 3.000 mg al giorno. Parlate con il vostro medico se avete dei dubbi. Evitare l’ibuprofene (Advil) durante la gravidanza, a meno che non sia specificamente approvato per l’uso da parte del medico. L’ibuprofene è stato collegato a un basso livello di liquido amniotico e ad una serie di altre condizioni.

La sindrome del tunnel carpale e l’allattamento al seno

L’allattamento al seno può essere doloroso con la CTS perché è necessario usare il polso per tenere la testa del bambino e il seno nella posizione corretta per l’allattamento. Provate a sperimentare diverse posizioni. Usate cuscini e coperte per sostenere, sostenere o tutore quando necessario.

Potreste scoprire che l’allattamento al seno mentre siete sdraiati su un fianco con il bambino di fronte a voi funziona bene. L’allattamento in posizione rugby può anche essere più facile per il polso. Con questa posizione, vi sedete in posizione eretta e posizionate il bambino sul lato del braccio con la testa del bambino vicino al busto.

Potreste preferire un allattamento a mani libere, dove il vostro bambino si nutre con un’imbragatura indossata vicino al vostro corpo.

Se avete difficoltà ad allattare o a trovare una posizione comoda per voi e per il vostro bambino, prendete in considerazione la possibilità di parlare con un consulente per l’allattamento. Può aiutarvi ad apprendere posizioni confortevoli e può aiutarvi a individuare eventuali problemi che voi o il vostro bambino avete con l’allattamento.

Quali sono le prospettive?

La STC è comune durante la gravidanza. Semplici misure come lo steccaggio e l’assunzione di paracetamolo sono terapie standard e di solito portano sollievo.

La maggior parte delle persone vedrà i propri sintomi risolversi entro 12 mesi dal parto. Tuttavia, in alcuni casi possono essere necessari anni. Parlate con il vostro medico su come gestire i sintomi in modo sicuro.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

X
Add to cart