Secchezza nasale

Il termine medico per una sensazione di secchezza nei passaggi nasali è rinite secca. Spesso è il risultato di raffreddori o allergie.

Un naso secco è generalmente innocuo, tuttavia, se non trattato, può causare sintomi più fastidiosi, come ad esempio:

  • prurito
  • bruciore
  • croste
  • epistassi (sangue dal naso)
  • congestione

Quali malattie si possono associare a secchezza nasale?

Un naso secco risulta spesso dal soffiare il naso troppo spesso, ma, pur raramente, può essere spia anche di malattie sottostanti.

La secchezza nasale può essere causata da:

  • raffreddore
  • allergie
  • uso di alcuni farmaci (come decongestionanti nasali e antistaminici)
  • sindrome di Sjogren
  • rinite atrofica

Si ricorda che questo non è un elenco esaustivo e che sarebbe meglio consultare il proprio medico di fiducia in caso di persistenza dei sintomi.

Quali rimedi contro la secchezza nasale?

Quando l’interno del naso è asciutto, può essere scomodo e a volte doloroso, ma di solito si può curare a casa. I rimedi casalinghi per prevenire e alleviare i sintomi di secchezza nasale includono: 

  • uso di un umidificatore. Un ambiente umido aiuta a mantenere i passaggi nasali umidi, allevia la congestione nasale e permette ai seni nasali di drenare correttamente.Gli umidificatori possono sostituire l’umidità persa a causa dell’aria condizionata e del riscaldamento centralizzato nelle case e negli uffici. Si dovrebbe pulire l’umidificatore ogni giorno per prevenire la crescita di muffe e batteri, che possono essere entrambi nocivi per la salute. L’umidità interna ideale varia dal 30 al 50%, a seconda della temperatura della stanza. È importante notare che livelli di umidità più elevati possono favorire la crescita di acari della polvere e altri allergeni che possono peggiorare i sintomi. Un igrometro, che è un dispositivo che misura l’umidità relativa, può aiutare a decidere se e quando utilizzare un umidificatore.
  • inalazioni di vapore. Chi non ha accesso ad un umidificatore può ottenere risultati simili, benché temporanei, inalando il vapore di:
  • una ciotola di acqua calda
  • doccia o bagno caldo
  • sauna
  • corretta idratazione generale. Bere troppa poca acqua, infatti, può seccare i tessuti del corpo, compresi quelli all’interno dei passaggi nasali.
  • nebulizzazioni o lavaggi nasali salini: inumidiscono i passaggi nasali, aiutando a migliorare il flusso di muco e a eliminare dalla cavità nasale sostanze irritanti, come polvere, sporcizia e polline. Soluzioni saline per nebulizzazioni e lavaggi nasali sono disponibili in farmacia come prodotti da banco ( è sempre bene leggere attentamente le istruzioni sulle confezioni). In alternativa, si può preparare una soluzione salina a casa.

Per preparare a casa una soluzione salina per adulti servono:

  • sale non iodato, che idealmente non dovrebbe contenere antiagglomeranti o conservanti, poiché questi possono irritare i passaggi nasali
  • bicarbonato di sodio
  • circa 200 grammi o 1 tazza di acqua distillata, o la stessa quantità di acqua del rubinetto bollita per 3-5 minuti
  • Mescolare 3 cucchiai di sale con 1 cucchiaio di bicarbonato di sodio e conservare la miscela in un piccolo contenitore ermetico
  • Aggiungere 1 cucchiaino di miscela all’acqua
  • Se si utilizza acqua bollita, lasciar raffreddare completamente prima

Per nebulizzazioni:

  • Versare la soluzione ottenuta in un flacone spray
  • Inclinare la testa in avanti, respirare lentamente attraverso il naso e spruzzare la soluzione una o due volte in ogni narice
  • Fare una nuova soluzione e assicurarsi che il flacone spray sia pulito prima di ogni utilizzo.

Per lavaggi nasali:

  • Iniettare la soluzione ottenuta nella siringa a bulbo 
  • Appoggiarsi su un lavandino, guardando verso il basso. Inclinare la testa a sinistra, con la guancia sinistra parallela al lavandino
  • Posizionare il beccuccio della siringa appena dentro la narice destra
  • Respirando normalmente attraverso la bocca, spremere delicatamente o versare circa la metà della soluzione salina nella narice destra. La soluzione dovrebbe uscire dall’altra narice dopo pochi secondi
  • Sputare fuori qualsiasi soluzione che drena in bocca
  • Soffiare delicatamente il naso per eliminare eventuali residui
  • Ripetere questo processo utilizzando la narice opposta
  • Assicurarsi di angolare la testa come descritto per evitare che la soluzione scorra lungo la parte posteriore della gola o negli occhi.
  • Fare una soluzione salina fresca e assicurarsi che la siringa a bulbo sia pulita prima di ogni utilizzo.

Con secchezza nasale quando andare dal medico?

Meglio consultare il medico se il naso è gravemente o persistentemente secco, e anche se si associa a sintomi come: dolore, frequenti epistassi o segni di infezione.

Rimedi casalinghi per alleviare un naso secco

Quando l’interno del naso è asciutto, può essere scomodo e a volte doloroso, ma di solito si può curare a casa. I rimedi casalinghi per un naso secco includono l’inalazione di vapore, l’uso di un umidificatore e l’uso di spray nasali o risciacqui.

Il termine medico per una sensazione di secchezza nei passaggi nasali è rinite secca. Spesso è il risultato di raffreddori o allergie.

Un naso secco è generalmente innocuo. Tuttavia, se lasciato non trattato, può causare sintomi più fastidiosi, come ad esempio:

prurito

masterizzazione

scabbia

epistassi

congestione

I seguenti rimedi casalinghi possono aiutare a prevenire e alleviare i sintomi di secchezza all’interno del naso.

Utilizzo di un umidificatore

Un ambiente umido aiuta a mantenere i passaggi nasali umidi, che allevia la congestione nasale e permette ai seni nasali di drenare correttamente.

Gli umidificatori possono sostituire l’umidità persa a causa dell’aria condizionata e del riscaldamento centralizzato nelle case e negli uffici.

Idealmente, una persona dovrebbe pulire l’umidificatore ogni giorno per prevenire la crescita di muffe e batteri, che possono essere entrambi nocivi per la salute.

L’umidità interna ideale varia dal 30 al 50%, a seconda della temperatura della stanza.

È importante notare che livelli di umidità più elevati possono favorire la crescita di acari della polvere e altri allergeni che possono peggiorare i sintomi.

Un igrometro, che è un dispositivo che misura l’umidità relativa, può aiutare una persona a decidere se e quando utilizzare un umidificatore.

Inalazione di vapore

Le persone che non hanno accesso ad un umidificatore possono ottenere risultati simili inalando il vapore di:

una ciotola di acqua calda

doccia o bagno caldo

sauna

Tuttavia, i benefici dell’inalazione di vapore possono essere solo temporanei. Per evitare di scottare la pelle, assicurarsi che l’acqua non sia bollente o estremamente calda.

Mantenere idratati

Bere troppa poca acqua può seccare i tessuti del corpo, compresi quelli all’interno dei passaggi nasali.

In passato, le autorità sanitarie raccomandavano di bere 8 bicchieri d’acqua al giorno.

Tuttavia, le ricerche del 2018 suggeriscono che il modo migliore per una persona di rimanere idratata è semplicemente bere ogni volta che si sente assetata, tranne quando si è impegnati in un esercizio fisico particolarmente intenso.

Spray nasale salino

Gli spray nasali salini inumidiscono i passaggi nasali. Questo aiuta a migliorare il flusso di muco e a eliminare le sostanze irritanti, come polvere, sporcizia e polline, prima che abbiano la possibilità di causare un’infiammazione.

Gli spray nasali salini sono generalmente blandi e sono disponibili in farmacia. Leggere sempre attentamente la confezione di questi prodotti e assicurarsi di seguire le istruzioni.

In alternativa, una persona può preparare una soluzione salina a casa, utilizzando:

sale non iodato, che idealmente non dovrebbe contenere antiagglomeranti o conservanti, poiché questi possono irritare i passaggi nasali

bicarbonato di sodio

ca. 200 grammi o 1 tazza di acqua distillata, o la stessa quantità di acqua del rubinetto che è stata bollita per 3-5 minuti

un piccolo flacone spray a nebbia fine

Per produrre e utilizzare la soluzione salina (per adulti):

Mescolare 3 cucchiai di sale con 1 cucchiaio di bicarbonato di sodio e conservare la miscela in un piccolo contenitore ermetico.

Aggiungere 1 cucchiaino di miscela all’acqua.

Se si utilizza acqua bollita, lasciar raffreddare completamente prima.

Versare la soluzione nel flacone spray.

Inclinare la testa in avanti, respirare lentamente attraverso il naso e spruzzare la soluzione una o due volte in ogni narice.

Fare una nuova soluzione e assicurarsi che il flacone spray sia pulito prima di ogni utilizzo.

Irrigazione nasale

Una persona può anche sciacquare delicatamente la soluzione salina attraverso le narici usando una siringa a bulbo o un dispositivo chiamato neti pot.

Questo può rimuovere le sostanze irritanti e pulire la cavità nasale in modo che sia in grado di assorbire meglio altri farmaci.

I risciacqui nasali sono disponibili sul bancone. Leggere sempre attentamente la confezione e seguire le istruzioni.

Una persona può anche fare un risciacquo nasale a casa:

Fare la soluzione salina descritta sopra.

Iniettare la soluzione salina nella siringa a bulbo o versarla nel vaso neti

Appoggiarsi su un lavandino, guardando verso il bassp. Inclinare la testa a sinistra, con la guancia sinistra parallela al lavandino.

Posizionare il beccuccio del neti pot o della siringa appena dentro la narice destra.

Respirando normalmente attraverso la bocca, spremere delicatamente o versare circa la metà della soluzione salina nella narice destra. La soluzione dovrebbe uscire dall’altra narice dopo pochi secondi.

Sputare fuori qualsiasi soluzione che drena in bocca.

Soffiare delicatamente il naso per eliminare eventuali residui.

Ripetere questo processo utilizzando la narice opposta.

Assicurarsi di angolare la testa come descritto per evitare che la soluzione scorra lungo la parte posteriore della gola o negli occhi.

Fare una soluzione salina fresca e assicurarsi che la siringa a bulbo o neti pot sia pulita prima di ogni utilizzo.

Quando vedere un medico

Un naso secco risulta spesso dal soffiare il naso troppo spesso.

Alcuni farmaci, come i decongestionanti nasali e gli antistaminici, possono anche causare o peggiorare la secchezza.

Raramente, un naso persistentemente secco può segnalare una condizione medica più grave, come ad esempio:

la sindrome di Sjogren: Questo disturbo immunitario colpisce le ghiandole che secernono fluidi, come lacrime e saliva. Fa sì che gli occhi e la bocca diventino secchi, e può anche colpire il naso e altre parti del corpo.

Rinite atrofica: Questa condizione fa sì che il rivestimento dei passaggi nasali si restringa e si formino croste spesse e secche all’interno del naso. Le complicazioni possono includere una perdita di odore, epistassi e infezioni.

Se il naso è gravemente o persistentemente secco, consultare un medico.

E ‘anche una buona idea di cercare un medico se un naso secco accompagna sintomi come il dolore, frequenti epistassi o segni di infezione.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

X
Add to cart